mercoledì 23 settembre 2015

Parliamo di "asmita" il senso dell'ego

Asmita, il senso dell’io, è annoverato da Patanjali tra i cinque impedimenti (kilesha) della mente, come causa di sofferenza.
Negli  yoga sutra, asmita viene descritto come “il confondere la coscienza con ciò che è soltanto il riflesso o contenuto della coscienza”. 

Nella filosofia Yoga-Vedanta, tutta la manifestazione, tutto ciò che esiste, è l’espressione multiforme di un unica Realtà sottostante e illimitata che è descritta in vario modo e principalmente come Coscienza.

L’universo è dunque permeato di intelligenza, di energia,

di consapevolezza, in forme praticamente infinite e continuamente mutevoli. Il corpo e la mente sono forme o veicoli, attraverso cui la coscienza infinita si manifesta e si esprime.



Ricerca personalizzata